lunedì 6 febbraio 2017

La delibera del Consiglio dell'Ordine di Napoli chiede a CNF e CF misure di contenimento delle spese di gestione

L'immagine può contenere: sMS




L'immagine può contenere: sMS




Nessun testo alternativo automatico disponibile.

Salvatore Lucignano  Io sono seriamente convinto che Armando (Presidente del COA Napoli) egli debba SERIAMENTE guidare un cambiamento, in virtù del ruolo che ricopre 









"Le numerose adesioni, dichiarazioni di sostegno e incoraggiamenti ad andare avanti rivolti a NAD a seguito dell’iniziativa “Digiunare per sensibilizzare”, ancora in corso unitamente al presidio permanente del Tribunale di Napoli (anche notturno) dei suoi attivisti, ci impongono un confronto sulla richiesta di rendere i contributi minimi richiesti da Cassa Forense proporzionali rispetto al reddito; sull’immediata rinuncia alle laute prebende introdotte per i dirigenti delle istituzioni forensi (i quali gravano su tutti gli avvocati, ivi compresi quanti stanno rinunciando all’esercizio della professione a causa dell’insostenibilità dei costi loro imposti) e, infine, sulla creazione di un percorso idoneo a rendere le predette istituzioni vicine e sensibili ai problemi di tutta l’avvocatura, individuando problemi e iniziando ad elaborare possibili soluzioni. Il cambiamento è iniziato! Sta a voi salire a bordo e aiutarci a riportare la reputazione della nostra categoria ai livelli d’un tempo. Vi attendiamo numerosi".














NAD richiede: 

  • occupazione dei vertici di qualsiasi istituzione forense a titolo gratuito;

  • riduzione dei contributi di cassa forense ovvero la possibilità di impegnarsi, secondo le proprie possibilità, a costituire un fondo pensionistico privato.














Sull'argomento vedi:





















Nessun commento:

Posta un commento

Lascia un commento

live traffic settimanale