mercoledì 31 maggio 2017

NO DELLA CASSAZIONE ALLA CANNABIS TERAPEUTICA



Maggio 2017 | Avvocato Gabriella Filippone | Rassegna stampa notizie on line |



No della Cassazione alla cannabis terapeutica. I giudici di piazza Cavour hanno respinto il ricorso presentato da un uomo, processato per coltivazione di canapa indiana, al quale la Corte d'appello non aveva riconosciuto il diritto all'assunzione di cannabis terapeutica. 

L'uomo, sieropositivo, soffre di diabete mellito ed epatite cronica da Hcv, ed è intollerante all'assunzione di prodotti farmacologici ordinari.
Insomma, come dire, "se la passa benone".





Immagine a destra: Cannabis indica fluid extract, American Druggists Syndicate, pre-1937 | via Wikipedia






Fonte:  II Sole 24 Ore
 Titolo:  Uso terapeutico: no della Cassazione







L'uso medico della cannabis (canapa) e dei suoi componenti (detti cannabinoidi) ha una storia millenaria condivisa da molte culture nel mondo. Nella medicina moderna piuttosto che la combustione e l'inalazione della pianta essiccata si utilizzano farmaci a base di fitocannabinoidi o di cannabinoidi sintetici.
Con la proibizione della pianta, la diffusione della cannabis come rimedio farmacologico è decisamente diminuita nel giro degli ultimi 60, 70 anni. Tuttavia la pianta torna oggi ad essere usata nel trattamento di certe patologie, per esempio per ridurre la nausea dovuta a chemioterapia o malati di AIDS, o per trattare il dolore e la spasticità muscolare. È stato studiato il suo utilizzo per numerose altre applicazioni mediche, ma non vi sono dati sufficienti per conclusioni sulla sua sicurezza ed efficacia. Sono  in corso alcuni studi sugli effetti antitumorali del THC (cannabinoidi).
La cannabis può essere somministrata in vari modi: tramite vaporizzazione o combustione delle infiorescenze essiccate, estratti di vario genere, capsule. Farmaci a base di cannabinoidi sono disponibili in alcuni paesi dietro prescrizione medica. Se l'uso a scopo ricreativo resta illegale in molte parti del mondo, l'uso medico della cannabis è ormai completamente o quasi completamente legale in alcuni paesi europei, tra cui AustriaCanadaFinlandiaGermaniaIsraeleItaliaPaesi BassiPortogallo e Spagna. Negli Stati Uniti il commercio (sia vendita che acquisto) di cannabis per qualsiasi scopo è reato federale, mentre è legale la produzione per utilizzo personale in 20 Stati e nel District of Columbia. (Wikipedia)







IN ITALIA l'uso della cannabis terapeutica è legalizzato dal 2013. Oggi sono 11 le Regioni italiane nelle quali la cannabis per uso medico è a carico del Servizio Sanitario Regionale. 


A fare il punto sulla situazione è Amrer, Associazione malati reumatici Emilia-Romagna, nell'ambito del convegno "Cannabis terapeutica e dolore cronico"  tenutosi  a Bologna, la Tavola rotonda "Cannabis terapeutica: una possibile risposta al dolore cronico".


Emerge, dal confronto che ha coinvolto medici, farmacisti e pazienti, una mancanza di informazioni e di adeguata conoscenza dell'argomento, anche tra professionisti, che produce serie difficoltà nell'accesso a queste terapie per i pazienti.

pazienti reumatici afflitti spesso da dolore cronico sono confusi, manca un'adeguata conoscenza sull'argomento anche da parte di medici e farmacisti e le notizie, che in molti reperiscono sul web, sono frammentarie e spesso non corrette.

"Nonostante la legge nazionale del 2013 e la legge e una delibera regionali, che in Emilia Romagna stabiliscono l'accesso alla cannabis terapeutica a carico del servizio sanitario regionale per i pazienti con alcune forme di dolore cronico, l'utilizzo di questa opzione terapeutica è basso", come sottolinea Marco Bertolotto, direttore del centro di terapia del dolore e cure palliative di Savona. "I medici che sanno usare la cannabis terapeutica sono pochi e i farmaci disponibili per combattere il dolore cronico non sono tanti".

Uno studio del 2013 condotto dal team di Oliver Van Hecke, dell'università di Oxford, ha mostrato che il dolore cronico non oncologico, spesso associato a malattie reumatiche come le artriti, le osteoartrosi e la fibromialgia, colpisce il 20% degli europei. 






La cucaracha (in spagnolo "Lo scarafaggio") è una canzone tradizionale della musica folk messicana, che divenne popolare dopo la rivoluzione messicana.
Secondo una versione, il titolo si riferirebbe all'automobile del generale Pancho Villa, che spesso era rotta e si era guadagnata, da parte delle sue truppe, il nomignolo la cucaracha. (Wikipedia)

Il testo consiste di strofe indipendenti, spesso improvvisate. Una tipica strofa è:

(ES)
« La cucaracha, la cucaracha
Ya no puede caminar
Porque no tiene, porque le falta
Marihuana que fumar.
La cucaracha, la cucaracha nosotromos niñas lo aplastiamo »




(IT)
« Lo scarafaggio, lo scarafaggio
Non riesce a camminar
Perché non ha, perché gli manca
Marijuana da fumar Lo scarafaggio, lo scarafaggio noi ragazze lo schiacciamo »



L'utilizzo della cannabis terapeutica è possibile nella terapia del dolore nelle malattie reumatiche, come spiega Riccardo Meliconi, reumatologo. Sostiene: "disponiamo di una sufficiente mole di prove di efficacia sul dolore neuropatico, mentre i dati su artriti e artrosi non hanno ancora la robustezza e il peso necessari a un uso routinario della cannabis terapeutica. L'interesse da parte dei pazienti reumatici nei riguardi di questa opzione terapeutica e la presenza di una legge e di una delibera regionali impongono a noi medici di utilizzarla nella pratica clinica".

Dal gennaio 2017 è stata attivata la produzione statale della cannabis terapeutica, da parte dell’Istituto chimico e farmaceutico militare di Firenze. 

"Situazione critica", secondo Daniele Conti, responsabile dell'area progetti Amre: lavorano sulla formazione pubblica, sui medici di famiglia e sugli specialisti, "in modo che possano prescrivere la cannabis terapeutica secondo criteri appropriati e fare in modo che non ci siano differenti velocità di accesso sul territorio".

Fonte notizia: La Repubblica.it

http://www.repubblica.it/salute/2017/04/10/news/cannabis_terapeutica_legale_convegno_bologna-162646054/)












Homero Fuma Marihuana medicinal - Los Simpson





























































Giuridica News | Avv. Gabriella Filippone

"Aspettando il nemico" | Immagine di proprietà di Gabriella Filippone 






«La differenza tra le persone sta solo nel loro avere maggiore o minore accesso alla conoscenza» (Lev Tolstoj)

La rassegna stampa è una sintesi e fornisce i riferimenti dell'articolo (testata, autore, titolo) per reperire sul quotidiano o altra fonte l'articolo completo.
Si declina ogni responsabilità per errori od omissioni, nonché per un utilizzo improprio delle immagini o non aggiornato delle notizie e delle informazioni.










Nessun commento:

Posta un commento

Lascia un commento

live traffic settimanale