sabato 21 giugno 2014

Approvato il DL che risarcisce i detenuti costretti in celle inumane

http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/8/8b/European_flag_in_Karlskrona_2011.jpg


Il Consiglio dei Ministri, su proposta del Presidente Renzi e del Ministro della Giustizia Orlando, ha approvato in questi giorni un decreto legge contenente rimedi risarcitori in favore dei detenuti e degli internati che hanno subito un trattamento in violazione dell’articolo 3 della Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell’uomo (divieto di tortura e di trattamenti disumani o degradanti). 


Rassegna News a cura di Gabriella Filippone - Il Governo ha pertanto approvato un decreto legge che indica i 'rimedi risarcitori di tipo compensativo', adottati a seguito del ricorso presentato da alcuni detenuti alla Corte dei diritti dell'Uomo di Strasburgo.


Il decreto legge applica la sentenza Torreggiani della Corte europea dei diritti dell’Uomo (CEDU) e introduce la riduzione percentuale di pena come risarcimento del danno. 

La sentenza Cedu ha accertato che la situazione di sovraffollamento carcerario presenta, in Italia, carattere sistemico, la Corte ha concesso un anno di tempo per rimediare.

I provvedimenti presi con il decreto legge: sconto pena  di un giorno per ogni dieci passati in carcere con meno di tre metri quadrati di spazio vitale a disposizione.

Il DL prevede,  in alternativa, un mini-indennizzo quando lo sconto di pena non è applicabile in quanto 'il trattamento inumano' è durato meno di 15 giorni o la pena ancora da scontare non lo permette: otto euro per ogni giorno in cui il detenuto ha subito il 'pregiudizio' di una cella sovraffollata




http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/9/9e/Vincent_Willem_van_Gogh_037.jpg
"La ronda dei carcerati" | Autore: Vincent Van Gogh | via Wikipedia


Il decreto legge prevede anche delle misure per combattere l'emergenza del sovraffollamento carcerario e per rafforzare la Polizia penitenziaria.

Il decreto legge governativo  interviene  d’urgenza in ordine ai nuovi presupposti della custodia cautelare: esclusa in caso di prognosi di condanna a pena sospesa o in caso di pena non superiore ai tre anni.















Fonti: 
  • Vittorio Nuti | Celle sovraffollate, via ai risarcimenti | Il Sole 24 Ore 
  • Antonio Ciccia |Uno sconto ai detenuti | Italia Oggi.




 
Rassegna News Giuridiche by Avv. Gabriella Filippone    
Gabriella Filippone Blog

   

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia un commento

live traffic settimanale